Per la salvaguardia e la tutela di villa Doria Pamphilj

L' Associazione per Villa Pamphilj, pone come proprio compito quello di perseguire ogni iniziativa atta a salvaguardare e tutelare il complesso territoriale e naturale situato nella città di Roma e denominato villa Doria Pamphilj.

25/04/2016

Basta... non si può andare avanti così!


Chè oggi, addirittura, sono volati i tavoli. E non per il forte vento, bensì per l'aggressione subita da chi cerca di difendere la villa da chi la degrada. Ieri, la solita festa di peruviani all'interno dell'ingresso su via Leone XIII n. 74 e sul prato, ancora oggi, c'è di tutto: lattine, bottiglie tappi, vetri, carta, plastica, fazzolettini, cenere, merda... ovvero escrementi umani dovunque. E oggi, dalle 11.30, nuova ondata di latino-americani festaioli (e lì saranno ad ubriacarsi, fino a stanotte) pronti a raddoppiare "il lascito" del giorno precedente. Sono volate le parole, i toni pure, fino a che una coppia di peruviani ha pensato bene di minacciare e colpire chi contestava quel loro modo di comportarsi: lui con una testata (schivata), poi con una sbarra di ferro per smontare le ruote (brandita e non calata, fortunatamente), lei mulinando un tavolino... che purtroppo, è andato infine a segno. Risultato, coscia sinistra immobilizzata che si sta gonfiando e, tra un po', immancabile mega livido: è stato richiesto l'intervento del 113, la Polizia di Stato ha identificato gli attori dello scontro... e chi è rimasto contuso ha 90 giorni di tempo per presentare denuncia querela. Ma nelle ultime 36 ore è successo anche altro... cioè "il solito": - la serratura ed il muro del cancello su via Vitellia/largo Grigioni n.9A sono stati nuovamente divelti; - i rom bulgari, parcheggiate le proprie monovolume su largo Martin Luther King, continuano ad occupare manufatti e a bivaccare dentro e fuori la villa defecando, imbrattanto, accendendo fornelli e fuochi senza che si risalga a chi li fa venire qui e perchè (in molti hanno biglietti aerei già pagati per rientrare in Bulgaria... un'organizzazione invero perfetta!) ; - i pennuti che abitano il Laghetto del Giglio continuano a subire aggressioni: ieri è stata la volta dell'oca Arturo che, oggi, porta ancora addosso tracce del sangue fattogli versare ieri dal solito cane del solito padrone irresponsabile. Basta, BASTA, B-A-S-T-A !
 
Immagini (23)