Per la salvaguardia e la tutela di villa Doria Pamphilj

L' Associazione per Villa Pamphilj, pone come proprio compito quello di perseguire ogni iniziativa atta a salvaguardare e tutelare il complesso territoriale e naturale situato nella città di Roma e denominato villa Doria Pamphilj.

27/07/2017

Le Guardie Zoofile (finalmente) a villa Pamphilj.


Questa mattina, e non dovrebbe essere la prima volta (a quanto ci ha raccontato un amico)... soprattutto non sarà né l'unica, nè l'ultima. Perché l'impegno, comunicatoci già un paio di mesi fa a seguito dell'incontro e delle segnalazioni fornite alla IV° Commissione Ambiente del Comune di Roma (https://www.comune.roma.it/pcr/it/commissioneiv.page) ci è stato confermato da uno degli agenti stamattina, lui stesso presente ad alcune riunioni a tema presso quella stessa Commissione. Abbiamo scritto nel titolo "finalmente"... sì, perché le problematiche legate alla tutela degli animali e dell'ambiente, in un'area vasta come villa Doria Pamphilj sono numerose, come sa chi ci segue da tempo, ed una presenza qualificata in un settore così importante non era più solo auspicabile, quanto piuttosto indispensabile. Grazie ad un apposito lettore portatile sono stati effettuati numerosi controlli sull'utilizzo del microchip di cui i nostri amici a 4 zampe devono essere muniti (https://goo.gl/X3n3zs) e verificato il rispetto di altre normative: avendone avuto la possibilità incontrandoli, l'Associazione per Villa Pamphilj ha già messo a disposizione degli agenti mappe dettagliate dell'area e fornirà ogni altra informazione atta a rendere i futuri interventi i più efficaci possibili. Tutto questo, nell'attesa comincino ad operare in Città anche gli agenti della Polizia Roma Capitale, anch'essi specificatamente istruiti su problematiche animali ed ambientali. Le foto pubblicate oggi sono tratte dalla pagina Facebook delle Guardie Zoofile Ambientali NORSAA (https://www.facebook.com/norsaaroma/) mentre, dal loro sito (https://goo.gl/ZQmbeq), qui di seguito, l'esatto oggetto del proprio settore d'intervento. "PRIMO COMPITO PRINCIPALE FONDANTE Settore Medicina Forense Veterinaria Tutela l’aspetto dei diritti degli animali di affezione e non con la prevenzione delle zoonosi (malattie trasmesse dagli animali all’uomo) e di tutti gli aspetti sanitari riguardando il rapporto animali uomo. Si prefigge il compito di supporto alle autorità sanitarie e di polizia per i reati connessi al maltrattamento, abbandono e uccisione degli animali. Si prefigge come obiettivo un accordo con il CENTRO DI REFERENZA NAZIONALE PER LA MEDICINA FORENSE VETERINARIA [L’Unità Specialistica di Medicina Forense Veterinaria, successivamente individuata dal Ministero della Salute come Centro di Referenza Nazionale per la Medicina Forense Veterinaria (D.M. del 18 giugno 2009, Pubblicato nella G.U. n. 225 del 28 settembre 2009)], la repressione dei reati contro gli animali perpetrati con qualsiasi mezzo, con il quale si prefigge di attuare protocolli di intesa, i rilievi tecnici, scientifici e sanitari sulla scema del crimine. Il personale è specializzato, laureato in discipline mediche veterinarie e biologiche, e si avvale, previa formazione scientifica, di tecnici specializzati formati all’uopo. L’associazione “GUARDIA ZOOFILA AMBIENTALE, POLIZIA VETERINARIA E MEDICINA FORENSE VETERINARIA NORSAA” fornirà su richiesta degli enti preposti il supporto tecnico scientifico alle indagini delle autorità di Polizia Giudiziaria e della Magistratura, e con il personale laureato in materie scientifiche adeguate si prefigge di concorrere nella formazione di collegi peritali sempre a disposizione sia degli inquirenti sia della Magistratura stessa. Inoltre nomina Guardie zoofile ambientali volontarie per far osservare leggi e regolamenti. SECONDO COMPITO PRINCIPALE FONDANTE Settore Vigilanza Ambientale e tutela del territorio DIFESA DELL’AMBIENTE e DIFESA della qualità della vita, favorendo una migliore organizzazione sociale ed una modifica dei comportamenti individuali e collettivi; Si Prefigge di svolgere con personale qualificato, BIOLOGI, AGRONOMI, TECNICI DEL SUOLO E DELLE ACQUE il prelievo dei campioni (terra, acqua, materiali dispersi, fanghi etc.) effettuandone a proprie spese le analisi e il monitoraggio scientifico del terreno. Pubblica sul proprio sito i risultati ottenuti e si prefigge di stimolare L’ARPA e le ASL a confrontare le analisi e i campionamenti. Inoltre si prefigge di fornire alla magistratura le prove degli illeciti ambientali. Si prefigge di attuare i controlli e monitorando gli illeciti nominando guardie zoofile ambientali volontarie." Cosa aggiungere? Bentrovati e buon lavoro... qui a villa Pamphilj di certo non vi mancherà! Vai al link>https://goo.gl/deqZES
 
Immagini (3)